Progetto “Impressioni urbane”

La fotografia. Un mondo fantastico in bilico tra tecnica ed emozioni. Ultimamente sto però vivendo un periodo di stanca, con poca ispirazione e ancora meno stimoli.

Fotografia macro? Già fatto..

Fotografia still life? Poca, ma già fatta….

Fotografia di strada? A bizzeffe…

Sono in quella fase in cui un bel viaggetto (magari in un paese asiatico, il massimo sarebbe l’India) , rappresenterebbe un’ottima opportunità per ritrovare stimoli nuovi e soprattutto trovare qualcosa che meriti di essere raccontata per immagini. Purtroppo, conto in banca e lavoro mi tengono qua, prigioniero di questa maledetta routine quotidiana. Ne stavo giusto parlando giorni fa con Fulvio, alias Fulvietto, mio collega ed amico con cui ho già condiviso in passato interessanti esperienze di viaggio. Ne è nata un’idea per una specie di progetto comune, nella speranza di stimolare le reciproche passioni. Nel mio caso ovviamente la passione è quella della fotografia, con però il pesante limite del non riuscire sempre ad esprimere in parole e lettere ciò che voglio dire, pur avendocelo ben presente in testa ( eppure leggi un libro e ti sembra così facile….). Nel caso di Fulvietto invece la passione è la lettura, con la conseguente curiosità per il mondo della scrittura. Secondo me non scrive male, giudicherete voi.

Praticamente il progetto è questo: nel mio girovagare in cerca di scatti interessanti a volte mi imbatto in piccoli dettagli o più semplicemente in cose che attirano la mia attenzione. Dopo la fase di post-produzione, propongo le immagini a Fulvio con delle tracce. Tracce che possono essere le mie emozioni al momento dello scatto o semplicemente un’idea per indirizzare il testo in una certa direzione (naturalmente essendo suo il  testo deciderà lui se tenerne conto o no, guidato dalla propria sensibilità). Ciò che uscirà fuori da questo progettino potrebbe essere qualcosa di mediocre o di terribilmente interessante, chi lo sa……

Per scoprirlo c’è solo un modo…… STAY TUNED !

E a proposito di Fulvio…….

lasciamo che si presenti….

All’anagrafe Fulvio Giordano. Operaio, single da una vita, senza grandi titoli di studio, referenze o particolari abilità, ma con una smodata passione per la lettura e le parole scritte. E la testa piena di ……… fantasia. Ogni fotografia, può contenere e far nascere innumerevoli storie. Ringrazio Marco, per avermi offerto la possibilità di questa collaborazione, non sono certo la persona più adatta, ma è molto stimolante provarci. Potete seguirmi su Fulviosamente , la mia nuova pagina Facebook.

Un progetto, all’inizio, è una semplice fantasia, un sogno.

Per realizzarlo, noi dobbiamo ricostruire nella nostra mente tutte le sfaccettature del reale, tutte le possibili alternative.

Prevedere tutti i possibili trabocchetti che ogni azione può incontrare, tutti i possibili «esami» che il mondo, ad ogni tappa, inevitabilmente ci imporrà.

Francesco Alberoni

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento