,

In cerca di luce

Una rosa, l’ultima rimasta, si allunga in cerca di luce. Periodo di buie giornate autunnali, questo.
Giornate dominate da nuvole, pioggia e alluvioni in tutto il paese.
Disastri annunciati che hanno un loro prezzo, anche in vite spezzate, portate via in un attimo.
Un tributo dovuto alla scarsa, a volte inesistente, cura che abbiamo del territorio in cui viviamo.
Un tributo alla logica dell’abusivismo. Un tributo alla logica perversa del condono, che prima ti premia e poi ti sotterra.
Allungati, rosa, cerca un pò di luce anche per noi.
Ne abbiamo bisogno più che mai.

 

 

Alluvioni

(Agli italiani)

La città dorme.
Il fiume s’espande.
Qualcuno è uscito
e, in sordina, ha sperato
una curiosità
senza sangue.
La città è desta
e il fango
tutto infrange.
Il timore urla,
ma nessuno lo dice.
Lo sguardo
è atterrito,
tace
e il bagliore
di una volante
sibila in controluce.

Poesia di Angelo Gasparini

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento