, ,

In memory of Lia

Lia bianchi era una donna coraggiosa. In bicicletta stava recandosi all’Ospedale Niguarda per aiutare dei compagni partigiani feriti. Venne uccisa da una raffica di mitra dai nazisti in ritirata. Era il 24 Aprile 1945, ovvero la vigilia della liberazione dell’Italia. Insieme a Lia, allora trentaduenne, morì purtroppo anche il figlio che portava in grembo. L’arma vigliacca dei nazisti non ha però portato via il ricordo di questa donna coraggiosa. Ecco la sua fotografia portata, con orgoglio, da un manifestante durante la recente sfilata del 25 aprile a Milano.

 

La Resistenza non fu un fenomeno militare, come erroneamente si crede.
Fu un movimento politico, democratico e civile straordinario.
Una presa di coscienza politica che riguardò anche le donne.

LIDIA MENAPACE

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento